Snapshots of a Girl /5

Clicca per ingrandire

Ciao, amici di BeccoGiallo!

Ho deciso di avviare un Indiegogo fundraising per supportare finanziariamente gli ultimi, critici mesi della lavorazione di “Snapshots of a girl”. Devo concentrarmi completamente per almeno quattro mesi per completare il lavoro, per la mia e spero vostra soddisfazione! Che ne pensate?
Sareste disposti a donare una piccola cifra in cambio di un grandioso libro e un piccolo extra per mostrarvi la mia riconoscenza? Ad esempio una piccola serigrafia, o l’essere inclusi nel libro come personaggio…

Parlando invece del mese che va a concludersi, mi sembra che stiamo assistendo al grande ritorno dei bigotti… vediamo un po’. Il 21 agosto in Camerun c’è stato nientemeno che il “Gay Hate Day”. Il parlamento russo invece ha bannato il Gay Pride per 100 anni e fatto causa a Madonna per essersi mossa contro la legislatura anti-gay a San Pietroburgo, per non parlare del caso Pussy Riot. La cosa più preoccupante in tutto questo è secondo me il modo in cui il vice premier russo Dmitry Rogozin si è espresso in un tweet, lasciando intendere che Madonna sarebbe una “puttana moralizzatrice”.
Il fatto di rispondere a una donna ridicolizzandola e insultandola per il fatto che questa ha preso parola sembra stia diventando sempre più comune. Hilary Clinton, il cui ruolo è tra i più alti della Segreteria di Stato americana, è stata tranquillamente ridotta a “segretaria” da Rush Limbaugh nel suo programma radiofonico. Patetico!

Chiamare una donna “puttana” (che deve quindi “stare zitta”), promuovere il sesso forzato e violento, provare a legalizzare lo “stupro legittimo”, senza contare il quanto sia già normalmente diffuso lo stupro, e provare ad alterare i diritti sull’aborto… cosa sono se non tentativi di forzare la donna all’invisibilità e alla nullità?

Ancora una volta i leader politici e spirituali stanno promuovendo il silenzio e l’obbedienza, dividendo le donne in “sante” e “puttane”. Ma se “La morte è il silenzio nel linguaggio della violenza*”, questa “guerra alle donne” non porterà nulla di buono a nessuno.

Per dirlo con le parole di Alice Walker: “Nessuna persona vi è amica, o vicina, se quello che vi domanda è il silenzio, o se nega il vostro diritto di essere percepiti come persone completamente sbocciate.”

* disposable heroes of hiphoprisy, 1992